Antropologi tra museo e patrimonio

Pietro Clemente

Abstract


Chissà perché quando si pensa al museo si pensa al passato. Forse per via delle Muse, o dei musei egizi, etruschi e romani. Quando si pensa a questi popoli li si pensa, opacamente, nel loro tempo lontano,e non nel “vero” tempo della nostra conoscenza di essi: l’archeologia è uno dei settori più moderni e computerizzati della ricerca umanistica. È ancora ammesso qualche gesto romantico, qualche intuizione visionaria, ma poi si fa stratigrafia computerizzata e solo su queste basi si interpreta. Il collezionismo è fenomeno relativamente recente, per certe tipologie (oggetti della gente comune, carte telefoniche, modernariato) è in continua mutazione.

Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.14672/ada2006143%25p

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.




Ledizioni Srl - P.IVA 07361560969. Privacy&Cookie policy, qui