L’INGEGNERIA SANITARIA AMBIENTALE E I CAMBIAMENTI CLIMATICI

Stefano Caserini

Abstract


La grande partecipazione dei capi di Stato e l’attenzione riservata dai media di tutto il mondo alla COP21, che si è svolta nel dicembre 2015 a Parigi, ha mostrato che ormai sono universalmente accettate le conclusioni della comunità scientifica: il problema è reale, le attività umane ne portano la responsabilità, più si aspetta ad intervenire più aumentano i rischi di impatti molto pericolosi per gli esseri umani e gli ecosistemi. Le dichiarazioni preoccupate e gli inviti all’azione sono arrivate da 34 Accademie delle Scienze di tutto il mondo, nonché dall’International Council of Academies of Engineering and Technological Sciences.

L’Accordo approvato nella COP21 di Parigi è stato un importate passo in avanti. Dopo 15 giorni di trattative serrate, ben coordinate dalla Presidenza francese, si è arrivati ad un testo equilibrato di 11 pagine e 29 articoli, che costituisce il coronamento del paziente lavoro post-Copenaghen. Non è stata una rivoluzione, come non doveva essere visto il lungo percorso del negoziato. Non ci sono state sorprese eclatanti, Paesi che hanno abbandonato inerzie decennali o hanno stravolto gli impegni annunciati nei mesi precedenti. È stato un accordo sul percorso futuro della governance mondiale e multilaterale del clima: sui tempi e sulle regole.

Uno dei punti fondamentali dell’Accordo di Parigi è una nuova architettura degli impegni per contrastare il surriscaldamento globale, un regime definito “bottom-up”, perché basato su gli INDC (“Intended Nationally Determined Contribution”, in italiano “contributi promessi stabiliti a livello nazionale”): sono impegni volontari trasmessi dagli Stati, riguardanti principalmente la riduzione delle emissioni (o il contenimento del loro aumento). Le dichiarazioni di INDC arrivate prima e durante la COP21 sono state 160, da parte di 187 paesi (l’Unione europea ha inviato un unico INDC per i 28 Stati membri), che rappresentano circa il 99 % della popolazione e delle emissioni mondiali. Tranne pochissime eccezioni, tutti i Paesi emettitori di gas serra hanno dichiarato impegni a limitare le loro emissioni.

Le riduzioni delle emissioni previste da questi INDC sono molto più elevate di quanto prevedeva il Protocollo di Kyoto. Nonostante questo, sono impegni ancora insufficienti per l’obiettivo scritto nell’accordo di Parigi, quello di “mantenere l’incremento della temperatura media mondiale ben sotto i 2 gradi rispetto ai livelli pre-industriali e fare sforzi per limitare l’incremento della temperatura a 1,5 °C, riconoscendo che ciò ridurrebbe significativamente i rischi e gli impatti del cambiamento climatico”. In altre parole, l’asticella degli sforzi degli Stati è stata parecchio alzata, ma il ritardo accumulato negli anni passati fa sì che gli impegni oggi decisi non possano essere considerati sufficienti.

Molto si è discusso su quanto questi impegni volontari abbiano o no un carattere vincolante. Pur se vero che non sono previste - per ora - sanzioni per chi non dovesse rispettare gli impegni sottoscritti con gli INDC, va detto che nell’Accordo di Parigi ci sono numerose parti che individuano impegni legalmente vincolanti (il termine “shall” compare 144 volte), ad esempio sulle procedure, le verifiche e i controlli, il coordinamento sulle scadenze e la trasparenza delle comunicazioni dei Paesi. Si è cercato di incentivare il rispetto degli impegni tramite l’esclusione da piattaforme che garantiscano diversi tipi di agevolazioni, o la partecipazione ai meccanismi di mercato, in passato utilizzati come strumenti di flessibilità per perseguire gli obiettivi del Protocollo di Kyoto. In accordi di questo genere sono proprio tali misure, assieme alla leva della reputazione internazionale, ad incoraggiare il rispetto degli impegni.

Parallelamente al negoziato ufficiale, il portale dei “Non-State Actor Zone for Climate Action (NAZCA)” della convenzione sul clima ha raccolto più di 10.000 impegni formali ad azioni sul clima, aggiuntivi a quelli degli stati. Sono azioni spesso di rendicontazione e riduzione delle emissioni, con obiettivi in molti casi di annullamento delle emissioni nel 2020, 2030 o 2050; in altri casi sono obiettivi sull’aumento dell’efficienza energetica o l’utilizzo di energia rinnovabile. Hanno sottoscritto impegni 150 regioni, 2.254 città, 2.034 aziende, 425 investitori finanziari e 235 organizzazioni della società civile (organizzazioni non governative, associazioni, fondazioni, università e Enti di ricerca). Regioni come la California, la Catalogna, il Baden-Württemberg, per l’Italia la Lombardia. Città come New York, Tokyo, Rio de Janeiro, Sidney. 541 grandi aziende dell’energia, 256 dei trasporti, 283 dei materiali, 50 dell’informatica, 95 grandi banche, 64 assicurazioni, 73 istituti finanziari.

Gli impegni presi a Parigi dagli Stati, uniti a quelli degli altri soggetti istituzionali e privati a diversi livelli, nonché il maggiore interesse del mondo della formazione e dell’informazione, sono segnali positivi, indicano una volontà ormai globale di affrontare seriamente quella che il segretario dell’ONU Ban Ki Moon ha definito “La più grande sfida collettiva che l’umanità deve oggi affrontare”.

***

Da anni ormai l’Ingegneria Sanitaria Ambientale si confronta con il tema dei cambiamenti climatici. Non poteva essere altrimenti, visto che è un tema che ha interazioni pesanti con tutti i comparti ambientali e ha implicazioni diffuse, in molti settori economici strategici della società.

Gli ingegneri ambientali hanno molto da dire nelle tre aree in cui tradizionalmente è suddivisa la conoscenza scientifica sul tema dei cambiamenti climatici: la fenomenologia (osservazioni, cause, proiezioni per il futuro), gli impatti (su attività umane e ecosistemi, e relative azioni di adattamento), la mitigazione (le strategie tecnologiche e socioeconomiche per ridurre le emissioni di gas serra e potenziare gli assorbimenti).

Essendo un problema che origina dalla sovrabbondanza di alcune sostanze nell’atmosfera, il problema dei cambiamenti climatici è a volte confuso con quello dell’inquinamento dell’aria. Sono due problemi diversi, anche se hanno tanti punti in comune, per certi aspetti sono intrecciati.

La principale diversità sta nelle diverse scale spaziali e temporali: i cambiamenti climatici sono un problema globale che lasceremo in gran parte ai posteri, e riguarda solo in parte noi, qui e ora. L’inquinamento dell’aria ha una scala regionale o locale, ci riguarda più da vicino, danneggia da subito il nostro apparato respiratorio e cardiovascolare.

I punti in comune sono innanzitutto dal lato fenomenologico: il clima che cambia può influire sulla qualità dell’aria; viceversa, alcuni inquinanti atmosferici (solfati, polveri, black carbon) sono in grado di influenzare fortemente il bilancio radiativo del pianeta e quindi hanno un effetto climalterante. Altri inquinanti atmosferici tradizionalmente studiati per la qualità dell’aria locale, quali gli ossidi di azoto, il monossido di carbonio, i composti organici volatili, sono in grado di interagire tramite complesse reazioni col metano e l’ozono presenti nell’atmosfera, quindi con effetti climalteranti.

Dal punto di vista delle azioni per contrastare i due problemi, anche qui l’intreccio è forte: ci sono sia politiche sinergiche, che affrontano assieme le due sfide, sia punti di contrasto (ad esempio l’utilizzo delle biomasse legnose nei piccoli apparecchi domestici). Capire le sfaccettature delle connessioni, ad esempio il ruolo di inquinanti quali il black carbon, è una delle frontiere della ricerca.

Il ciclo dell’acqua è pesantemente influenzato dal riscaldamento globale, e così lo studio dei fenomeni di inquinamento di fiumi, laghi, mari. La variazione del regime pluviometrico ha conseguenze nella progettazione delle opere tradizionali dell’ingegneria sanitaria, quali, ad esempio, le reti di drenaggio urbano e le opere per la captazione e l’approvvigionamento delle acque per uso umano.  

Molti sono i campi in cui le tecnologie dell’ingegneria ambientale possono dare un contributo per ridurre le emissioni di gas serra. Grande interesse è sorto nel settore dei trattamenti delle acque di rifiuto per la minimizzazione delle emissioni di protossido di azoto, gas serra 300 volte più potente dell’anidride carbonica, che si sviluppa dai processi di rimozione dell’azoto. Nel settore dei rifiuti temi ormai centrali sono la riduzione delle emissioni di metano (il secondo gas serra per importanza nel periodo 1750-2011) dalle discariche, il recupero di materia e di energia dai rifiuti, la produzione di biogas dai trattamenti di residui agricoli. I bilanci delle emissioni di gas serra, la stima dell’impronta carbonica, le analisi del ciclo di vita sono recenti competenze acquisite dagli ingegneri ambientali e sempre più richieste. Anche in Italia molti organismi pubblici e privati hanno già avviato attività di stima delle emissioni di gas serra e di elaborazione di piani di riduzione.

È quindi probabile che il contributo dell’Ingegneria Sanitaria Ambientale nell’ambito delle politiche per contrastare il cambiamento climatico crescerà in futuro: per rispettare gli obiettivi ambiziosi sottoscritti a Parigi, la riduzione delle emissioni di gas serra dovrà essere rapida e riguardare tutti gli Stati, tutti i territori e i settori economici.

Keyword


cambiamenti climatici; ingegneria sanitaria ambientale; clima; inquinamento; emissioni

Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.14672/ida.v3i1.429

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.




ISSN ed e-ISSN 2420-8256, abbonamenti e copie cartacee qui - Ledizioni Srl - P.IVA 07361560969, Informativa privacy e cookie qui.

SEGUICI SUI SOCIAL NETWORK!