La soglia di tolleranza. Coltivazione del tabacco, tumori e gestione del rischio in Alta Valle del Tevere

Lorenzo Alunni

Abstract


L’Alta Valle del Tevere, oltre ad essere una delle zone d’Europa a più alta concentrazione di coltivazioni di tabacco, è anche una delle zone in cui l’incidenza e la mortalità per tumore allo stomaco sono costantemente e abbondantemente superiori alla media regionale e nazionale. Molti cittadini attribuiscono questa doppia caratteristica dell’area alla presunta nocività dei prodotti chimici utilizzati per la coltivazione del tabacco. Questo articolo si concentra su genealogia, gestione politica e conseguenze sociali di tale “rumore di fondo”. Nel considerare le scelte imprenditoriali, insieme alle politiche sanitarie delle istituzioni territoriali, particolare attenzione è rivolta a quegli elementi che hanno determinato, e determinano ancora, l’economia morale della soglia di tolleranza rispetto al supposto nesso fra coltivazione del tabacco e incidenza oncologica.

Keyword


Tabacco, Alta Valle del Tevere, tumore, stomaco, pesticidi

Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.14672/ada20171184%25p

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.