Rappresentare “gli spazi del fuori”. Note per un’etnografia dei campi profughi

Federico Rahola

Abstract


Il tempo dei rifugiati, dei profughi, dei migranti: in un saggio straordinariamente intenso e tutto in prima persona sul significato politico dell’esilio, Edward Said sembra quasi “costretto” a ricorrere a queste figure “fuori luogo” per recuperare la cifra di fondo del presente. Soggetti che, in base a un crudo dato quantitativo, restituiscono oggi una dimensione di displacement tanto violentemente comune e generalizzata da risultare inassimilabile a esperienze individuali e “letterarie”, a biografie di e sull’esilio.

Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.14672/ada2005123%25p

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.




Ledizioni Srl - P.IVA 07361560969. Privacy&Cookie policy, qui