Chi resiste ad Atene? Organizzazione, autonomia e rapporti con il territorio al tempo dell’austerity

Marco Gottero

Abstract


Il welfare di una città soffocata dall’austerità come Atene è territorio di scontro. Organizzazioni in parte figlie delle proposte emerse durante il cosiddetto movimento delle piazze, si confrontano con coordinamento, finanziamento e finanche invasione politica dall’alto. Alcuni soggetti, in particolare nel delicato crocevia tra accoglienza dei migranti ed emergenza abitativa, si propongono invece a un livello intermedio. Si è qui tentato di identificare, tra coloro operanti al di sotto del livello istituzionale, le organizzazioni che sembrano portatrici di una “resistenza collettiva”. Ne emerge un quadro contraddittorio, e ogni attore presenta dei limiti nel proprio operato. Doveroso è tuttavia valorizzare gli aspetti più interessanti delle esperienze autonome, facendo attenzione a evitare il “rischio argentino”: un’intrusione istituzionale che depoliticizza le organizzazioni più indipendenti.

Keyword


Grecia; crisi; austerità; cooperative; resistenza

Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.14672/ada20171345%25p

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.