La deliverance come tecnica di contrasto all’“insicurezza spirituale”. Il caso della Mutundwe Christian Fellowship di Kampala

Alessandro Gusman

Abstract


Uno degli aspetti più significativi dell’espansione del Pentecostalismo in Africa è la creazione di centri di deliverance, che si presentano come spazi di liberazione dagli spiriti del male e di soluzione ai problemi della vita quotidiana e familiare.
Attraverso lo studio del caso della Mutundwe Christian Fellowship di Kampala, l’articolo analizza il ruolo centrale assunto da questi centri e dalle pratiche di deliverance nelle concezioni relative all’“insicurezza spirituale” e alla stregoneria. L’articolo sostiene che la religiosità pentecostale è particolarmente efficace nel presentarsi come orientata all’azione e al contrasto delle forze spirituali e che una parte della sua capacità attrattiva deriva dalla promessa di possedere strumenti e pratiche rituali utili a risolvere i problemi che affliggono i credenti.

Keyword


Pentecostalismo; deliverance; centri di preghiera; insicurezza spirituale; Uganda

Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.14672/ada20191582117-133

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.