Passando per Milano. Kebba Suwareh, immigrato dal Gambia, e le conseguenze dell’illegalità

Alice Bellagamba

Abstract


Il centro d’accoglienza Naga-Har, l’abitazione del cugino, le carceri di San Vittore e di Bollate sono alcuni dei luoghi tra il 2005 e il 2007 attraversati da Kebba Suwareh - richiedente asilo originario del Gambia (un piccolo paese dell’Africa Occidentale affacciato sull’Oceano Atlantico e circondato su tre lati dal Senegal) - mentre aspettava che la sua domanda d’asilo politico fosse valutata dalla commissione territoriale di Milano.

Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.14672/ada2013183%25p

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.