Introduzione. Considerazioni inattuali

Setrag Manoukian

Abstract


Il mito di Robinson Crusoe ha un presupposto coloniale.Siamo abituati a raffigurarci Crusoe sull’isola, solo, che si interroga su se stesso e su Dio mentre piega la natura all’utile attraverso la disciplina del lavoro. Siamo soliti pensare che solamente dopo aver stabilito il proprio regno e la propria identità, Crusoe incontri e sottometta l’alterità di Venerdì, rendendolo un docile servo. Ricorriamo spesso a queste visioni isolane di Robinson per esemplificare l’immaginario borghese moderno: l’autoanalisi, l’etica del lavoro, l’oggettivazione della natura come risorsa, la sottomissione dell’Altro.


Full Text

PDF


DOI: http://dx.doi.org/10.14672/ada200296%25p

Refback

  • Non ci sono refbacks, per ora.